In viaggio con Ringo

Ora che Orfani: Ringo #10 – Animali selvaggi è in edicola da un po’ e che la seconda stagione della miniserie Sergio Bonelli Editore volge al termine, mi sono riproposta di fare un piccolo tratto del viaggio on the road dei quattro protagonisti in occasione del loro passaggio a Milano.

L’itinerario che decidono di seguire Ringo, Rosa, Seba e Nuè è molto semplice e si tratta del percorso che da Stazione Centrale passando per Porta Venezia arriva al Duomo prima e al Castello Sforzesco poi. Buona parte del viaggio corre quindi in parallelo con i binari della metro rossa e segue alcune delle vie principali di Milano. Al contrario di quanto si muovevano nel sud del paese, gli orfani si spostano all’interno della città seguendo strade ampie circondate dai palazzoni simbolo del capoluogo meneghino a ricordarci che, Corvi a parte, c’è molto poco da temere. La città è deserta, più o meno.

Si parte da Stazione Centrale, luogo in cui troviamo Ringo & Co. svegliarsi, uscire dal treno sul quale si sono rifugiati e partire in perlustrazione tutti insieme. Grazie alla nuova conformazione e alle scritte EXPO presenti nei finestrini dei nuovi freccia rossa non ho avuto modo di scattare le prime foto così come i nuovi regolamenti imposti per l’evento mi hanno impedito di fare lo stesso all’interno della stazione (immaginatemi là dentro con i bagagli e il fumetto in mano nel tentativo di fotografare decentemente la struttura!). Ho ovviato il problema cercando qualche immagine utile dal web.

Milano

Stazione 3

Sazione 1

20150721_124952

20150721_124950

Si esce.

20150725_153154

20150728_161829[1]

20150725_153149

20150725_152825

Alla sinistra della stazione si snoda Via Vitruvio protagonista della seconda vignetta di pagina 12.

20150728_162834[1]

20150725_154228

20150725_154302(0)

20150725_154452

Da qui le vignette successive, che si riferiscono all’avvistamento di uno dei Corvi, ci mostrano Porta Venezia, “braccio più centrale” di Corso Buenos Aires che si protende verso San Babila e Duomo. Ci troviamo proprio a due passi dai bastioni (anche se non li vediamo all’orizzonte, forse son distrutti) e, guardando verso Palestro, possiamo individuare sulla sinistra il palazzo dove si è appostato Jonas.

20150725_161123

20150729_175801

20150725_161228

20150725_161630

20150729_175811

20150725_161228

20150725_161539

20150729_175822

20150725_161722

20150728_164508

20150725_161921

20150729_175839

20150725_162256

20150728_164522

20150725_161841

20150725_162326

20150728_164538

20150725_162737

20150725_162808

20150725_162815

20150725_162835

20150725_162229

20150725_162639

Mentre i quattro si confrontano sull'”immortalità” dei Corvi, si spostano verso Palestro. Nelle vignette di pagina 17 risulta abbastanza semplice individuare il Museo della Scienza e i palazzi che gli si affacciano (l’ufficio postale e la banca che gli è di fronte per esempio).

20150728_172723

20150725_163637

20150728_172729

20150725_163503

20150725_163430

20150725_163704

20150725_163746

Da Corso Venezia verso San Babila. Qui mi soffermo ad osservare i palazzi che appaiono distrutti nell’albo e lo stato disastroso in cui si trova la fontana. Ma il Duomo mi aspetta…

20150728_172738

20150725_164801

20150725_164818

20150725_164959

20150725_165015

In realtà il Duomo, nel volume appare solo di sfuggita, pur essendo il grande protagonista della copertina di Emiliano Mammucari. Partendo dal presupposto che il percorso che compiono Ringo, Rosa, Seba e Nuè sia il modo più semplice e immediato per raggiungere il Castello Sforzesco (da Via Dante) passando da Duomo, ho considerato tutto ciò una scelta ponderata, l’idea di incentrare l’azione prevalentemente tra Castello Sforzesco e Parco Sempione.

Senza dilungarmi troppo: la copertina.

20150725_170020

20150725_170012

20150725_170039

Arrivati a Cairoli Ringo combatte coi lupi senza l’ingombro di Expo Gate…

20150728_172742

20150725_171257

20150725_171640

20150728_172746

20150725_172016

20150725_171649

20150729_135039

20150729_135016

20150725_172119

20150725_171941

20150725_171930

20150729_135030

20150725_172228

20150725_172555

20150725_172326

20150725_172657

…suscitando, con la sua vittoria, l’ululato di Jonas, che risuona fino a raggiungere il Duomo.

20150728_172816

Duomo Orfani
Foto scattata da Terrazza Martini. L’inquadratura è perfetta!

Sconfitto l’ennesimo nemico “naturale” di Ringo (quasi a ricordarci che il nostro eroe era un torero addestrato a riconoscere la purezza e la nobiltà della lotta ad armi pari contro gli animali), i quattro si recano all’interno del cortile del Castello Sforzesco, dove infine si separano.

20150728_172826

20150725_173430

20150725_173553

20150728_172829

20150725_173629

20150725_173730

20150725_173651

20150725_173553

20150728_172838

20150725_173819

20150725_174052

20150725_174117

20150725_174154

20150725_174700

20150728_172855

20150725_174327

20150725_173906

Da qui Rosa, Seba e Nuè si separano da Ringo, recandosi a Parco Sempione passando per il Castello in modo da trovarsi di fronte all’Arco della Pace.

20150728_172902

20150725_174952

20150725_175039

20150725_174854

Ringo invece, sempre nel cortile del Castello, deve riprendersi in fretta per combattere contro Jonas che gli rivelerà delle importanti informazioni.

20150729_160950[1]

20150725_173821

20150725_174458

20150729_160347[1]

20150725_174602

Da pagina 51 fino alla fine l’azione si svolge a Parco Sempione dove il gruppo si riunisce di nuovo, pronto a dover affrontare uno dei momenti più drammatici della serie (di cui non vi dirò altro, semmai foste venuti a curiosare non avendo letto l’albo).

20150725_175955

20150728_172946

20150725_175336

20150725_175513

20150725_175640

20150725_175930

20150725_175755

20150725_180015

20150725_180103

20150729_162545[1]

20150725_180011

E con questo termina il mio tour di Milano guidata dal lavoro di Roberto Recchioni, Luigi Pittaluga e Luca Saponti. Vi lascio con la promessa di non abbandonare questa mia bizzarra idea di rivivere le disavventure che i personaggi dei fumetti affrontano nella mia città nella speranza di farvi conoscere meglio Milano e farvela amare almeno un po’.

Annunci

One comment

  1. Brava Ilaria,
    hai fatto un’ottimo esperimento. Hai anche azzeccato i punti di vista delle foto. Condivido la tua speranza finale: Milano è una città molto bella se la si sa guardare bene.
    Simone

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...