Le Sad Movie Couples di Alejandro Giraldo

L’illustratore Alejandro Giraldo ha realizzato una serie che ritrae alcune delle coppie dei film protagoniste di amori complicati e impossibili a cominciare dai film di Wes Anderson per poi continuare citando Fight Club, Her, Forrest Gump e molti altri. Le illustrazioni, romatiche, delicate ed emozionanti, ritraggono i personaggi e una citazione tratta dal film che descrive la loro relazione.

Qui di seguito potete dare un’occhiata a questo splendido lavoro. Buona visione!

alejogiraldo-15

alejogiraldo-12

alejogiraldo-7

alejogiraldo-1

alejogiraldo-6

alejogiraldo-9

#ClassicFriday: Gli uccelli

Questo venerdì ho visto Gli uccelli, uno dei più celebri film di Alfred Hitchcock.

La storia la sappiamo più o meno tutti: l’avvenente Melanie si reca a Bodega Bay con l’intento di approfondire la conoscenza con l’avvocato Mitch Brenner, ritrovandosi ad affrontare un’aggressiva schiera di volatili insieme agli abitanti del paesino.

Realizzato nel 1963, il film sfrutta l’attacco degli uccelli per raccontare i rapporti interpersonali che si sviluppano tra i protagonisti e per esplicitare i differenti comportamenti che potrebbe avere l’uomo qualora si trovasse di fronte ad un evento del genere.

Si tratta di un prodotto dove si realizzano le tre unità della tragedia classica poichè la storia si sviluppa a Bodega Bay (continuità di spazio) nell’arco di due giorni (continuità di tempo) trattando esclusivamente l’acuirsi dell’attacco da parte degli uccelli (continuità d’azione).

 Poster

The birds

La citazione

“Vorrei avere un carattere più forte. Ho perduto mio marito quattro anni fa. È tremendo come si abbia bisogno di qualcun altro per sentirsi forti. E ad un tratto tutta la forza se ne va e si rimane soli.”

(Lydia Brenner, la madre di Mitch, svela le sue paure a Melanie e al pubblico. Il dialogo con la ragazza analizza la figura materna gelosa e protettiva più volte riproposta da Hitchcock nei suoi film.)

Titoli di apertura

Una curiosità su tutte

La colonna sonora del film è un vero e proprio esperimento voluto dal regista. Se si escludono l’accenno del Première Arabesque di Claude Debussy suonato da Malanie, la canzoncina Risseldy Rosseldy cantata dai bambini a scuola e la canzone popolare scozzese di Wee Cooper O’Fife, la colonna sonora è una sorta di rielaborazione in partitura dei rumori e dei versi degli uccelli. Per creare tale effetto il duo composto da Remi Gassman e Oskar Sala si è occupato di creare i rumori degli uccelli sotto il controllo dello stesso Hitchcock, desideroso di sfruttare al meglio quelle sonorità per rendere più efficace possibile l’effetto drammatico. In contrapposizione allo starnazzare degli uccelli si contrappongono scene dominate (o quasi) dal silenzio, come la scena in cui Lydia scopre il cadavere del suo amico e la scena finale.

Il regista ha detto:

François Truffaut: Trovo molto bello avere fatto ruotare il dialogo della scena del negozio degli uccelli intorno alla ricerca degli uccelli d’amore, gli inseparabili (“love birds” in inglese), perchè in seguito il film metterà in scena degli uccelli d’odio. Questi riferimenti agli inseparabili lungo tutto il film sono molto ironici.

Alfred Hitchcock: Ironici e necessari, perchè l’amore sopravvive a tutte queste prove, no? Alla fine, prima di salire in macchina, la ragazzina chiede: <<Posso portare gli uccelli d’amore?>>. Allora significa che qualcosa di buono sopravvive attraverso questa coppia di inseparabili.

(da Il cinema secondo Hitchcock di François Truffaut)

L’arte dietro il film

Qui sotto trovate gli splendidi storyboard del film, realizzati da Harold Michelson.

Harold Michelson 5

Harold Michelson 8

Captain America: Civil War – Il cast risponde ai fan su twitter!

Ieri pomeriggio buona parte del cast di Captain America: Civil War ha risposto alle domande dei fan che, tramite Twitter (e il profilo @TwitterMovies, da tempo dedicato a questo genere di eventi digitali) e l’utilizzo degli hastagh #AskTeamCap e #AskTeamIronMan, hanno deciso di partecipare alla divertente esperienza.

Twitter 2

Qui di seguito trovate per intero e in ordine cronologico gli interventi di Emily VanCamp (Sharon Carter/Agente 13), Paul Bettany (Visione),  (Wanda Maximoff/Scarlet), Sebastian Stan (Soldato d’Inverno/Bucky), Anthony Mackie (Sam Wilson/Falcon), Chris Evans (Steve Rogers/Captain America), i fratelli Russo (registi del film) e Kevin Feige (il produttore del film).

Enjoy it!

Emily VanCamp

La maggior parte delle domande poste a Emily VanCamp riguardano le caratteristiche del suo personaggio (“Abbiamo senza dubbio in comune la lealtà”) e il suo legame con l’Agente Peggy Carter (“È  davvero un onore recitare nel ruolo di sua nipote”). Dopo aver espresso la sua riguardo la “cazzutaggine” di Sharon (“Si tratta di una specie di modello per me, lo amo, più donne di questo tipo ci sono nell’universo, meglio è”), tentenna quando le viene chiesto a che team appartiene (#Dachepartestai?):

“Sharon fa certamente parte del #TeamCap. Se parlo a nome di Emily, mi è molto difficile rispondere. Seguivo con ammirazione alcuni di questi attori sin da quando ero una bambina, è stato davvero un’incredibile esperienza poter recitare con loro.”

(Emily ti capiamo, mica capita tutti i giorni di trovarsi di fronte a Robert Downey Jr.)

Paul Bettany

Paul Bettany entra in scena scegliendo la Cavalcata delle Valchirie come tema per il suo team (io inevitabilmente penso a Watchmen) e raccontandoci di quanto sia fico Visione (“Penso che dipenda dal fatto che sa perfettamente come accostare un maglione al suo incarnato melanzana”) anche se non può mangiare gli snack promessi da Robert Downey Jr. nel suo primo tweet a favore del #TeamIronMan (“La visione non si concede spuntini e così io”).

Dopo aver detto la sua sulla possibile scelta di un nuovo membro nel team con una sola parola:

“Hulk”

Paul Bettany è il primo che si diverte a giochicchiare con la versione cartonata dei Twitter Emojis dedicati a Captain America: Civil War (#TeamCap, #TheFalcon, #ScarletWitch, #Antman #WinterSoldier, #Hawkeye, #TeamIronMan, TheVision, #BlackPanther, #BlackWidow, #WarMachine).

Twitter

Elizabeth Olsen

L’enigmatica Elizabeth Olsen è un po’ streghetta anche quanto risponde. Dopo aver scelto un attore per il suo team (“Chris Pratt. Mi sento come lui e sarebbe fantastico vederlo in azione nel team con Chris Evans”, della serie chiamala scema), racconta quanto le piaccia interpretare un personaggio dai così straordinari poteri:

“Il fatto che sia così potente o il fatto che i suoi poteri siano illimitati e che l’unica persona che può fermarli sia proprio lei stessa è davvero fico.”

Sebastian Stan e Anthony Mackie

Sebastian StanAnthony Mackie giocano in team (#TeamCap) e, prendendo un po’ in giro il legame che unisce i due personaggi che interpretano a Captain America (“Stiamo scrivendo un film Weekend con Bucky. Cap muore, e Bucky & Falcon cercano di capire come riportarlo a casa” citando a modo loro la pellicola Weekend con il morto), finiscono per ridefinire la propria squadra (Vedova Nera al posto di Hawkeye) e per regalare al proprio personaggio una canzone rappresentativa.

“I Pink Floyd, con We Don’t Need No Education” per Bucky.

“Frankie Beverly & Maze con We are One o Beyonce conPartition” per Falcon.

Chris Evans

Chris Evans ribadisce la forza dell’intero cast (“Tutti quanti mi hanno sostenuto”) e dopo aver raccontato ai fan quanto sia triste tagliarsi la barba per impersonare Captain America (“Ti senti come se avessi perso un amico”), finisce per parlare anche lui di quell’assenteista di Hulk:

“Un po’ imprevedibile. Finchè sta in riga tutto ok. Ma l’ho visto anche abbatersi su un villaggio di innocenti.”

I fratelli Russo

Segue l’intervento dei fratelli Russo che dopo aver parlato di quali sono i loro film preferiti (“C’era una volta il West” e “Apocalypse Now“) e di quale supereroe sceglierebbero se potessero salvarne soltanto uno (“Scarlet Witch perchè ha il potenziale per salvare l’universo”) raccontano ai fan qual’è stata la parte del film più difficile da dirigere:

“Le sequenze di azione. Sono complesse da mettere in scena e qualche volta diventano pericolose”.

Kevin Feige

Ultimo a intervenire e a parlarci delle cose più interessanti in relazione alla continuity del Marvel Cinematic Universe è il produttore Kevin Feige che, dopo aver detto la sua sul momento più divertente che si è svolto durante le riprese (“Probabilmente la varietà di modi in cui Robert Downey Jr.avrebbe potuto sputare il pane ai datteri di  Zia May nella scena con Peter”) e sulla figura di Pantera Nera (“Chadwick ha perfettamente interpretato lo spirito di T’Challa”), accenna al rapporto che c’è tra Captain America: Civil War e Avengers: Infinity War:

“Un grande impatto, la fine di Civil War è la base sulla quale i personaggi diventeranno quelli che incontreremo alla fine di Infinity War”

 

 

 

Mad Max Fury Road, una carrellata di illlustrazioni

Si parla molto dell’ultimo film di George Miller, Mad Max: Fury Road. L’inventore di quel futuro apocalittico e barbarico che piace tanto ai nerd e che ci ha “donato” Kenshiro all’età di settant’anni decide di riprendere quel mondo da lui creato a fine anni ’70 e di girare un riadattamento della trilogia Mad Max.

Il film funziona e gli omaggi da parte degli illustratori e dei fumettisti si sprecano. Qui di seguito trovate una ricca gallery in cui ho inserito le concept art di Brendan McCarthy, alcuni omaggi degli autori Vertigo ed una serie di illustrazioni trovate qua e là sul web.

Buona visione!

Concept art

Mad Max 1

Mad Max 2

Mad Max 3

Mad Max 4

Mad Max 5

Mad Max 6

Omaggi

Ben Templesmith

 

Ben Templesmith

Bill Sienkiewicz

Bill Sienkiewicz

Simon Bisley

Simon Bisley

Christian Ward

Christian Ward

Cliff Chiang

Cliff Chiang

David Mack

David Mack

Gerardo Zaffino

Gerardo Zaffino

Gilbert Hernandez

Gilbert Hernandez

Guillermo Mogorron

 Guillermo Mogorron

Jim Lee

Jim Lee

Lee Bermejo

Lee Bermejo

Marguerite Sauvage

Marguerite Sauvage

Mike Allred

Mike Allred

Nicola Scott

Nicola Scott

Paul Pope

Paul Pope

Rafael Albuquerque

Rafael Albuquerque

Rebekah Isaacs

Rebekah Isaacs

Rian Hugues

Rian Hugues

Riley Rossmo

Riley Rossmo

Tara McPherson

Tara McPherson

Toby Cypress

Toby Cypress

Chris B Murray

Chris B. Murray

Ben Olivier

Ben Olivier

Cory Loftis

Cory Loftis

Nesskain

Nesskain

Nash Gagalac

Nash Gagalac

Simkaye

Simkaye

sketchshark

Haydn Kino

Haydn Kino

Eric Canete

E chiudo con lo splendido tributo di Eric Canete